WEBINAR con Piersandra Di Matteo

Danze e Drammaturgia: la narrazione coreografica e le sue declinazioni - Anghiari Dance HUB | WEBINAR con Piersandra Di Matteo

Lunedì 31 ottobre 2023, si è tenuto il webinar gratuito ““Curatela e drammaturgia”
con Piersandra Di Matteo direttrice artistica di Short Theatre, dramaturg e studiosa di arti performative (Università IUAV).

Il webinar, riservato a 50 persone, è stato organizzato da Anghiari Dance Hub e Movimento Danza, insieme al webinar “Coreografie e drammaturgie della realtà”,con Alessandro Pontemoli professore di Storia della danza e della performance e di Studi di Danza presso l’Università di Torino, e coordinatore del Curriculum Spettacolo e Musica del dottorato di ricerca in Lettere,

Sono stati due contributi preziosi per esplorare il campo della drammaturgia della danza, disciplina innovativa in Italia ma che sta generando sempre più interesse tra studiosi e artisti.

Clicca qui per guardare il WEBINAR

Di seguito proponiamo la trascrizione del webinar tenuto da Piersandra di Matteo che così lo introduce:

In Italia è in corso un lavoro sulla drammaturgia della danza che trae alimento dal panorama internazionale. Questo approccio non solo contribuisce allo sviluppo della danza contemporanea, ma può alimentare un cambiamento epistemologico nelle pratiche coreografiche. Le acquisizioni dei dibattiti internazionali sulla drammaturgia della danza in Italia possono essere strumenti per ripensare la creazione coreografica, esplorando una dimensione più ampia della coreografia, concependola come scrittura dei corpi.
Oggi vorrei provare a mettere in relazione sfera curatoriale e drammaturgia urbana. Quando parlo di curatela mi riferisco in modo specifico alla curatela delle arti performative, che opera nel contesto specifico dello spettacolo dal vivo, della danza, della coreografia, ma anche il teatro musicale o l’opera. Ho la sensazione che negli anni a venire, il campo operistico potrebbe essere in Europa uno spazio di reinvenzione dei linguaggi della performance grazie all’apporto dei dramaturg che operano in tali ambiti istituzionali, consentendo una reinterpretazione del repertorio e sperimentazioni tra danza e composizione musicale.
Parliamo dunque della dimensione drammaturgica che percorre la curatela delle arti performative nella trama della città, esplorando il suo ruolo e la sua influenza. Vorrei partire dalle riflessioni di una studiosa e dramaturg che ha collaborato in particolare nel contesto nordeuropeo con artiste e artisti che lavorano nel campo della coreografia…
CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Articoli recenti